Tate no Yuusha – Volume 1 Capitolo 14

Il Peso di una Vita

Ci lasciammo alle spalle la radura ed arrivammo in breve alla frangia di terra che divideva la montagna dalla foresta.
Lo stile di combattimento di Raphtalia era notevolmente migliorato, grazie all’esperienza che aveva maturato, ed anche i suoi movimenti erano molto più precisi e rapidi.

Continua a leggere...

Death March – Capitolo 1 Parte 8

Il Demone, i Cavalieri ed il Mago

Vi parla Satou. Sono senza parole, perché il tanto atteso abbordaggio è stato improvvisamente rovinato.

Un’esistenza che poteva essere descritta soltanto con la parola ‘demone’ aveva improvvisamente fatto la sua comparsa.

Continua a leggere...

Tate no Yuusha – Volume 1 Capitolo 13

Rimedio

La giornata stava volgendo al termine ed il freddo della sera era ormai alle porte; puntuale come un orologio, lo stomaco di Raphtalia prese a brontolare, segnalando che era arrivata l’ora della cena. Lasciammo i nostri bagagli nella locanda e ci recammo in un ristorante lì vicino per mangiare.
Lungo il tragitto, sgranocchiammo un paio di snack che la ragazzina aveva acquistato da un negozio mai visto prima.

Continua a leggere...

Tate no Yuusha – Volume 1 Capitolo 12

Ciò Che è Tuo è Mio

Aprii gli occhi verso mezzogiorno e vidi che Raphtalia era lì vicino a me che mi aspettava.

“Andremo in città? *Koho*”
“Ha ha.”

Aveva ripreso a tossire.
Le diedi un’altra boccetta di ‘medicina normale’ e la ragazzina la bevve, imbronciata.
Era arrivato il momento di passare dalla farmacia per fare affari.

Continua a leggere...

Death March – Capitolo 1 Parte 7

Bagni all’Aperto, Giro Turistico ed un Nuovo Obiettivo

“Vi parla Satou. Il tipo meschino che non ha intenzione di avere nulla a che fare con la schiava piantagrane, Satou”.


E’ un sogno!

La mia autosuggestione stava raggiungendo il limite.

Continua a leggere...

Tate no Yuusha – Volume 1 Capitolo 11

L’Utilità di uno Schiavo

Dopo aver finito di pranzare al ristorante, ci recammo verso la radura.
Raphtalia canticchiò felice per tutto il tragitto.
Tuttavia, una volta usciti dalla città, i suoi occhi si tinsero di terrore ed iniziò a tremare.

Continua a leggere...